avvelenamento2

Avvelenamenti

 
 
L’avvelenamento nel cane e nel gatto è un evento spiacevole, nonchè pericoloso per il vostro fedele amico, e si verifica molto più frequentemente di quel che si pensi. Cani e gatti, infatti, sono quotidianamente esposti a sostanze tossiche reperite sia nell’ambiente domestico che all’esterno.

Tali “tossici” possono essere di svariata natura, provocare sintomi ed effetti molto diversi fra loro e richiedere terapie differenti a seconda dei casi e delle sostanze ingerite.

Quali le sostanze più comuni di avvelenamento nel cane e nel gatto?

Esistono innumerevoli sostanze tossiche con cui il vostro amico animale può venire in contatto. Vi sono però sostanze che più di altre sono causa di avvelenamento nel cane e nel gatto, vediamo insieme quali:

Rodentici e Insetticidi – Spesso sono usati per proteggere le abitazioni da ospiti indesiderati ma si sottovaluta la pericolosità di queste soluzioni se si possiede un cane o un gatto. Tali sostanze tossiche ingerite accidentalmente possono infatti provocare innumerevoli danni, anche irreversibili come emorragie sia interne che esterne.

Pesticidi – Ampiamente utilizzati in agricoltura per proteggere giardini e terreni, l’ingestione di pesticidi e molluschicidi causa un avvelenamento con sintomatologia spesso violenta. Se la sostanza pesticida è la metaldeide i suoi effetti si verificano a livello del sistema nervoso centrale causando febbre, vomito, diarrea, spasmi muscolari, convulsioni, ipersalivazione ed aumento di frequenza cardiaca e respiratoria.

Alimenti quali aglio, cipolla e cioccolato – L’aglio così come la cipolla, anche se ingeriti in modiche quantità possono comportare emolisi (distruzione dei globuli rossi) e grave anemia. Tale tipologia di avvelenamento nel cane e nel gatto è assai frequente in quanto anche gli avanzi di cibo (sughi e pietanze composte) possono contenere questi due ingredienti di uso comune.

Attenzione anche al cioccolato che contiene teobromina, una sostanza altamente tossica per i nostri amici animali. L’ingestione di cioccolato da parte di cani e gatti determina sin dalle prime ore sintomi come ipertensione, ipersalivazione e convulsioni, mentre nei casi più gravi può condurre alla morte nel giro di 24 ore.

Piante ornamentali e da appartamento – Sembrano innocue e insospettabili eppure molte delle piante d’appartamento possono nuocere gravemente alla salute del vostro pet. Tra queste citiamo le più note come l’azalea (sintomi: ipersalivazione, nausea, vomito, stati convulsivi e morte), il cactus (sintomi: tremori, vomito, diarrea e crampi addominali), il lilium (pericoloso, specie per i gatti, può anche determinare insufficienza renale), la stella di Natale (sintomi: stati di irritazione orale ed esofagea a tosse e soffocamento) e infine l’oleandro (sintomi: irritazioni, vomito, diarrea, ipotensione, collasso e morte).

Cosa fare in caso di avvelenamento?

In caso di sospetto avvelenamento del vostro animale domestico, è importante non fidarsi dei rimedi fai da te bensì contattare immediatamente per via telefonica il medico veterinario avendo cura di descrivere le modalità e le tempistiche di ingestione del tossico o, se queste non sono note, descrivere i sintomi osservati.
Se conoscete con sicurezza la sostanza tossica ingerita, portate dal veterinario, insieme al paziente, anche il contenitore del tossico, sarà di grande aiuto per instaurare la terapia adeguata.

Prenota una Visita Medica

Compila il modulo ed entra in contatto direttamente con il nostro staff medico.

©2015 Clinica Veterinaria San Giovanni - P.IVA 11202691009